LABORATORIO PERMANENTE DI PRATICA DELLA COMUNICAZIONE EMPATICA E NON VIOLENTA

ciclo-di-seminari-comunicazione-non-violenta-annamaria-carbone-big.jpg

E’ fin troppo evidente a tutti noi quanto l’essere cresciuti in un mondo “sciacallo” ci abbia allontanato dalla nostra naturale tendenza alla compassione e all’empatia tipiche della “giraffa”.
In un momento storico come quello attuale, in cui il tema del linguaggio d’odio, cioè dell’incapacità di comunicare rispettosamente, è quotidianamente al centro dell’attenzione, è cruciale sperimentare e consolidare la conoscenza di un modo che permetta di confrontarsi nelle diversità senza distruggere le relazioni.
Anche se, in teoria, abbiamo capito il metodo della Comunicazione Empatica e Non Violenta e ne abbiamo riconosciuto la validità, ci troviamo spesso incastrati in reazioni “automatiche” che non riusciamo a modificare.
Per riuscirci serve esercitarsi, soprattutto, a riconoscere “ciò che è vivo in noi” momento per momento, ad ascoltare e a dare la giusta considerazione alle nostre istanze profonde, spesso sollecitate dai comportamenti altrui a cui spesso non riusciamo a dare risposte soddisfacenti.

In fondo, come diceva Rosenberg, “gli sciacalli sono giraffe poco informate” oppure poco allenate.

Il Laboratorio permanente di pratica della Comunicazione Empatica e Non Violenta è la nostra palestra, il luogo in cui, a partire da episodi della nostra vita quotidiana, possiamo tenerci in esercizio e allenarci ad affrontare le nostre difficoltà oppure possiamo condividere le storie di successo di cui siamo riusciti ad essere protagonisti.
Gli incontri del Laboratorio saranno anche l’occasione di approfondire ed integrare tutti gli aspetti della tecnica di Rosenberg per attivarla nel nostro vissuto quotidiano e creare così quelle connessioni con gli altri che troppo spesso ci sfuggono a causa del modo “maldestro” di esprimerci.
Verranno proposti anche esercizi e simulazioni sui singoli passaggi del metodo, sempre nell’ottica di approfondirne la conoscenza e di sperimentarli in modo diretto.

Il Laboratorio permanente di pratica della Comunicazione Empatica e Non Violenta è aperto a tutti coloro che hanno frequentato i seminari ad Harmonia Mundi e anche a chi, pur non avendo frequentato i seminari, ha una solida conoscenza di base della Comunicazione Non Violenta. A questo proposito si raccomanda lo studio del libro “Le parole sono finestre (oppure muri)” di M.B. Rosenberg.

Date degli incontri di pratica
14 gennaio - 11 febbraio - 10 marzo - 28 aprile - 19 maggio - 9 giugno

A partire dal mese di aprile, gli incontri del Laboratorio saranno integrati all’interno del nuovo ciclo di seminari sulla Comunicazione Empatica e Non Violenta.

Numero minimo di partecipanti: 10

Le prenotazioni sul sito per gli eventi di Harmonia Mundi sono sempre obbligatorie ma in particolare per la CNV, per garantire il buon andamento degli incontri e per verificare il raggiungimento del numero minimo utile per confermarli, è importante prenotarsi ad ogni incontro e disdire in caso di assenza.

Quota di partecipazione: 10 euro per il Centro e offerta libera per la relatrice.

Anna Maria Carbone - Ha un MBA in Communication Sciences, è stata manager ed attualmente è consulente e formatrice sulle dinamiche relazionali per la gestione dei conflitti e la mediazione. Collabora con Enti Pubblici e scuole progettando e realizzando corsi di formazione e divulgazione sulla Comunicazione Empatica e Non Violenta per ragazzi e docenti. E’ Facilitatrice diplomata presso la Società Italiana di Biosistemica. Ha pubblicato il saggio “Costruire l’empatia: intelligenza emotiva, comunicazione ecologica e non violenta per la mediazione” nel volume “La giustizia sostenibile” Ed. Aracne - 2012. Da oltre 20 anni studia e sperimenta la floriterapia di Bach ed ha conseguito due livelli di specializzazione al Bach Centre di Mount Vernon, uno dei quali con il tutoraggio di Stefan Ball. Ha integrato il suo percorso con studi approfonditi di Bioenergetica, Alchimia, Cabala e Tarocchi seguendo, dal 2009, i corsi tenuti da Antonino Maiorana ed Emanuele Mocarelli.