IL SUONO ARMONICO COME STRUMENTO DI GUARIGIONE NELLA PERSONALITA' DIPENDENTE

Prenotazioni Chiuse suono--presentazione-macci-big.jpg

Attraversare gli stati di angoscia ed entrare in contatto con le emozioni sottostanti, rappresenta una grande opportunità di guarigione da qualsiasi forma di attaccamento. L’alessitimìa, dal greco “mancanza di parole per le emozioni” è alla base di qualsiasi forma di dipendenza, per cui ci si trova investiti da un carico emotivo così forte, da non riuscire a controllare la componente ansiosa, che ostacola la libera espressione delle emozioni e la possibilità di viverle a pieno. Attraverso l’utilizzo di sostanze, relazioni disfunzionali ed atteggiamenti compulsivi, si cerca di mettere a tacere lo stato di angoscia che ognuno di noi attraversa con modalità, frequenza ed intensità diverse durante l’arco della vita. I blocchi emotivi non solo ci costringono a vivere una vita insoddisfacente e frustrata ma sono anche alla base dei disturbi psicosomatici. Possiamo fare molto prima che il corpo inizi a manifestare ciò a cui non diamo ascolto. La dipendenza, di qualsiasi natura, ci evita di sentire fino in fondo ciò che dovremmo invece ascoltare con molta attenzione. Molto spesso la dipendenza non viene riconosciuta all’interno di se stessi e questo porta inevitabilmente alla comparsa di sintomi psico – fisici, proprio per permetterci di accorgercene e cambiare direzione.

Alessia Macci, infermiera professionale e naturopata, racconta la sua esperienza personale, che l’ha vista ricorrere all’utilizzo di sostanze e comportamenti autodistruttivi, per evitare di confrontarsi con il disagio emotivo che giace latente sotto qualsiasi forma di attaccamento e di come, il suono armonico, sia stato il canale attraverso il quale ha iniziato a confrontarsi con le parti di se stessa, dalle quali è sempre fuggita attraverso le dipendenze.

Il suono armonico, sperimentato all’interno del lavoro psico-corporeo intrapreso con Laura Maio, psicologa olistica, specializzata in tecniche psico-corporee e bionaturali, terapeuta del suono, le ha permesso di entrare in contatto con le proprie emozioni, per elaborarle ed armonizzarle.
Il libro “Il suono armonico come strumento di guarigione nella personalità dipendente” è nato da questa esperienza terapeutica e verrà presentato all’interno della conferenza.

Argomenti della conferenza:
- Dipendenza affettiva: il ruolo della famiglia di origine
- I diversi volti della dipendenza: (dipendenza alimentare e da sostanze)

Al termine della conferenza Laura Maio farà con il pubblico un'esperienza di armonizzazione di gruppo.

Il termine "Armonizzazione di Gruppo", coniato da Albert Rabenstein, fondatore del metodo di lavoro terapeutico con le campane tibetane armoniche e la voce (per maggiori informazioni visita il sito www.suonoarmonico.it), si usa per indicare incontri di gruppo, dove l'operatore utilizza il suono emesso da campane tibetane accordate, per ristabilire il punto di equilibrio nei partecipanti. L'armonizzazione è quindi un incontro in cui le vari combinazioni armoniche si fondono per aiutare i presenti a riconnettersi con la propria parte profonda e ri-armonizzare tutto ciò che risulta dissonante in quel momento.

Il suono è un potente strumento di guarigione e attraverso l'onda curativa ognuno può viaggiare all'interno di sé per eliminare i blocchi che impediscono il libero fluire psico-emozionale.

E' consigliato un abbigliamento comodo e di portare con sé un tappetino e una coperta.

Quota di partecipazione 15 euro.